abbiamo utilizzato: Burro Galbani Professionale 1 Kg Burro in formato da 1 Kg incartato in alluminio vai al prodotto

Il coniglio in umido è un secondo piatto gustoso e saporito.

Per realizzare questa ricetta serve un tempo di riposo di almeno due ore, durante le quali la carne dovrà marinare per assorbire i sapori degli aromi.

Questa è una ricetta interessante che può essere accompagnata da un bel piatto di verdure grigliate, di funghi oppure di patate al forno: è preferibile abbinarla anche ad una generosa porzione di polenta.

La ricetta del coniglio in umido non è la stessa del coniglio alla cacciatora. Infatti le due preparazioni si differenziano per l’insieme degli ingredienti che compongono la ricetta. Il coniglio alla cacciatora prevede l’aggiunta di capperi, olive nere, pomodori secchi, foglie d’alloro e di altre spezie.

Vediamo come cucinare la ricetta del coniglio in umido, piatto tipico delle regioni del centro Italia.


  • La realizzazione del coniglio in umido è molto semplice: marinare per due ore la carne, ponendola in un’ampia ciotola con il vino bianco, i rametti di rosmarino e gli spicchi d’aglio schiacciati.

  • Scolare e asciugare bene la carne.

  • Mondare e tritare sedano, carota e cipolla e farli appassire in una padella con olio extravergine d’oliva.

  • In un tegame a parte, rosolare uniformemente il coniglio in olio extravergine d’oliva e Burro Galbani Professionale. Usare una pinza per girare la carne perché non deve mai essere bucata.

  • Unire il soffritto di verdure appassito e fare insaporire qualche minuto. Sfumare con un bicchiere di vino bianco e far evaporare completamente.

  • Unire le erbe aromatiche legate con spago da cucina e la polpa di pomodoro.

  • Salare, pepare e far cuocere per 1 ora coperto da un coperchio. Se dovesse asciugare troppo aggiungere un filo d’acqua.

  • Al termine della cottura eliminare il mazzetto di erbe aromatiche e disporre il coniglio in umido direttamente nei piatti da portata o in un capiente vassoio irrorato dal suo sughetto.