abbiamo utilizzato: Robiola Vallelata 90 g Robiola fresca in formato monoporzione da g 90 vai al prodotto

Un contorno sfizioso e diverso dal solito che diventa un gustoso condimento per la pasta: è la caponata di carciofi, una preparazione dai profumi siciliani che porta in tavola tutti i sapori e i profumi di quest’isola.

Prepararla è facile e sarà un successo inaspettato per il vostro locale: farete la felicità dei vostri clienti più affezionati e saprete prendere per la gola quelli nuovi.

Ottima per imbandire i buffet di aperitivi o da inserire nei menù aziendali, questa preparazione si farà valere anche sulla tavola delle feste.


  • Per preparare la caponata di carciofi, tagliare le punte ed eliminare le foglie più esterne e coriacee; dividere i carciofi a metà, togliere il fieno e affettarli sottilmente.

  • Porli a bagno in acqua acidulata con limone, poi pulire e mondare il sedano e le cipolle; tagliare grossolanamente il sedano e finemente la cipolla.

  • Far scaldare l’olio extra vergine d’oliva in una padella, aggiungere il sedano e la cipolla: far stufare aggiungendo un po’ d’acqua calda.

  • Aggiungere i carciofi e proseguire la cottura fino a quando le verdure cominceranno ad ammorbidirsi; sfumare con il vino e fare evaporare, quindi aggiungere le olive snocciolate e i capperi dissalati.

  • Sciogliere lo zucchero di canna nell’aceto bianco, aggiungerlo alle verdure e aggiustare di sale e pepe; cuocere ancora qualche minuto, poi tenere da parte.

  • Far sciogliere il Burro Galbani Professionale in una padella, quindi aggiungere il pane e far dorare da entrambi i lati.

  • In una ciotola lavorare la Robiola Vallelata con gli scalogni e l’erba cipollina tritati finemente; mescolare bene e aggiungere la scorza grattugiata dei limoni, quindi amalgamare bene il tutto.

  • Spalmare la crema di formaggio sui crostini e disporli su un vassoio da portata.

  • Servire la caponata di carciofi accompagnando con i crostini croccanti e cremosi.